MS 191

Breviarium Viennensi
datazione:sec. XV
supporto:pergamena
dimensioni:cm 18x12,5
fondo:Giusto Fontanini
Contributi
Il ms. 191, che appartenne a mons. Giusto Fontanini, ed è noto con il nome di Breviario di Vienne, è un manoscritto meraviglioso di ambito francese, datato al XV secolo.
Il codice si compone di 102 carte non numerate e ulteriori 330 carte numerate.
432 carte pergamenacee con il testo su due colonne, spesso spartite da un divisorio in oro zecchino, capilettera esemplati in oro su campo azzurro o rosso, e alcune carte abbellite da una fascia che corre nella parte superiore ed in quella inferiore della pagina, spartita a losanghe, o a quadrati o a rettangoli o anche in forme irregolari, ed arricchita da una minuta decorazione naturalistica: fiori e animali intrecciati in un tripudio di colori e forme, molti dei quali di eleganza strepitosa, come il pavone nel capolettera a carta non numerata 33 recto o la splendida farfalla a carta numerata 125 verso.
Apri. E sei subito perso. Irrimediabilmente condannato a vagare senza la speranza di un ritorno. Dapprima l’occhio si smarrisce nella fittissima trama gotica dei segni. Non li leggi con facilità. La spigolosità del tratto ti fa inciampare più volte. Ferisce l’andare, lo rallenta. Ma se incespichi cadi sempre su tappeti trapunti di oro zecchino. E l’inchiostro marrone è quasi un letto di foglie che avvolge il tuo passo.
(Angelo Floramo, Guarneriana segreta, Bottega Errante Edizioni)